Posso dividere le compresse a metà?

NO

O, almeno, NON SEMPRE.

MAI tagliare o frantumare una compressa rivestita.
MAI tagliare o frantumare compresse gastroresistenti, studiate apposta per attraversare integre lo stomaco e arrivare nell’intestino, perché questo potrebbe ridurre la biodisponibilità o la tollerabilità del principio attivo.
MAI tagliare capsule molli.
MAI tagliare o frantumare farmaci a rilascio modificato o prolungato, perché questo comporta il rischio di un’ alterazione del dosaggio. Eccezione è un famosissimo antiepilettico per il quale l’azienda consente di frazionare, e non triturare.
MAI tagliare o triturare farmaci che presentano associazione di principi attivi.

Quando tagliare è possibile, prestate attenzione allo strumento, affilato e pulitissimo, per evitare che la compressa si sbricioli e che sia contaminata da residui precedenti. E assumetela subito. Occhio ai tagli irregolari che possano irritare il tubo digerente.
Cercate di dividere le compresse in parti uguali, mai inferiori ad un quarto, perché il problema è l’aderenza alla terapia consigliata.
E non aprite le capsule!

Nel dubbio, chiedete sempre al farmacista, perché #lasaluteeunacosaseria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *